I sistemi di controllo di gestione negli enti locali vivono obbligatoriamente le peculiarità dell’organizzazione pubblica nella quale sono implementati. L’organizzazione degli enti locali o delle aziende pubbliche in generale necessita di costruire sistemi di responsabilizzazione complessi e articolati e, nello stesso tempo, semplici nella lettura e nella definizione degli obiettivi e dei risultati attesi.

Progea, proprio per considerare tutte queste variabili, ha messo a punto un proprio metodo per controllare la gestione che, da un lato, parte dalle esperienze internazionali della Balance Score Card e, dall’altro, si radica agli effettivi processi organizzativi e gestionali propri di ciascun ente locale.

A tal proposito, Progea offre  numerosi servizi:

  • implementazione del Piano Esecutivo di Gestione attraverso lo sviluppo di una logica negoziale tra direzione e organo politico, comitato PEG e centri di responsabilità;
  • sviluppo di sistemi di simulazione aziendale in grado di valutare la performance dei vari centri di responsabilità, per valutare i potenziali di miglioramento e per valutare le capacità manageriali dei dirigenti coinvolti;
  • supporto ai dirigenti nell’elaborazione di programmi di miglioramento aziendale da presentare al top management e/o all’organo per la successiva implementazione;
  • impostazione di sistemi di controllo di gestione che, oltre all’attivazione della contabilità economico-patrimoniale e analitica, prevedano la progettazione e l’implementazione di un sistema “budgettario” e di un sistema di reporting periodico e costante, in grado di supportare le scelte manageriali necessarie al raggiungimento degli obiettivi definiti con il PEG;
  • implementazione dei cruscotti aziendali per il monitoraggio dei principali indicatori di costo, di attività, di performance, di efficacia/efficienza, di produttività;
  • implementazione della Balance Score Card, quale sviluppo strategico del cruscotto aziendale, negli sanitarie enti locali in cuisi intende affrontare l’analisi delle key performance areas e dei key performance indicators, nella logica delle quattro prospettive descritte da Kaplan.